TECNOLOGIA AL SERVIZIO DEL CLIENTE

Glossario

Ogni veicolo Honda, moto o scooter che sia, è equipaggiato con soluzioni tecniche d’avanguardia. Numerose sono le sigle che caratterizzano le esclusive applicazioni sviluppate in questi anni dai nostri tecnici, che spaziano in tutte le aree del mezzo: dalla ciclistica al motore, alle dotazioni di sicurezza attiva e passiva.

Asimo

ASIMO, acronimo di “Advanced Step in Innovative MObility” è un robot umanoide che rappresenta l’essenza stessa della filosofia Honda, azienda che desidera risolvere ogni problema di mobilità dei propri clienti.

Nato da lunghi studi cominciati oramai trent’anni fa(specie nell’area della distribuzione del peso sulle gambe), rappresenta l’evoluzione dei robot P1, P2 e P3 degli anni ’90, alti quasi due metri in quanto ancora privi della moderna tecnologia miniaturizzata.

Asimo è invece un robot “user friendly” veloce, preciso e persino... gentile: è un cucciolo bipede di 130cm in grado di riconoscere gli interlocutori, conversare e persino offrire tè e pasticcini in occasione di visite particolari.

Un robot che può essere inserito anche in casa ed in ufficio? Certamente, poiché Asimo può camminare velocemente fino a raggiungere i 6 km orari, evitare gli ostacoli, salire le scale, riconoscere gli umani e muoversi in maniera completamente autonoma.

Un “cuore elettronico” chiamato Total Control System è l’anima tecnologica di Asimo, con sensori che evitano le collisioni e gli permettono di riconoscere superfici od oggetti, sfruttando una tecnologia simile alla RFID. Il robot umanoide di Honda può ad esempio riconoscere i vari tipi di bevande, raccogliere il carrello o il vassoio corrispondente e servire il tutto al tavolo.

Nella più recente versione, Asimo è stato equipaggiato con la Brain Machine Interface (BMI), un’interfaccia neurale che vanta un tasso di riuscita del 90% e rappresenta una prima applicazione dell’intelligenza artificiale. Ad ogni pensiero corrisponde, infatti, una determinata attività del cervello. L’operatore indossa un casco colmo di elettrodi ed i suoi pensieri vengono trasmessi al robot, che li esegue.

Ancora una volta, la tecnologia Honda apre la porta ad una nuova generazione di applicazioni rivoluzionarie, che hanno come unico confine la nostra fantasia.

HondaJet

Il 3 dicembre 2003, Honda HA-420 ha ricevuto il “battesimo del volo” grazie al jet executive ultraleggero con elevatissimi standard tecnologici, destinato ai veloci trasferimenti internazionali.

Anche in questo caso, partendo da studi che risalgono alla fine degli anni ’80, Honda presenta un approccio innovativo: l’Honda Jet è infatti un aereo originalissimo, lungo meno di 13 metri, alto 4 e con un’apertura alare di 12,15 metri, in grado di volare ad una velocità massima di 760 km/h con un’autonomia di circa 2300 chilometri.

La fusoliera è realizzata con innovativi materiali compositi e l’avionica è d’assoluta avanguardia. I due compattipropulsori HF-118 Turbofan, sviluppati in partnership con la General Electric (altro colosso mondiale della tecnologia), sono montati in una inusuale zona sopraelevata sulle ali d’alluminio e permettono a l Jet diconsumare il 35% in meno rispetto ad un altro aereo dello stesso genere.

Gli interni sono curati e lussuosi e lo spazio dedicato ai bagagli è fra i maggiori della categoria. Nell’area destinata ai cinque passeggeri (due sono invece i posti d’equipaggio), l’HA-420 presenta un interessante sistema d’intrattenimento in volo (IFE) che permette il controllo personale delle funzioni video ed audio di bordo, del climatizzatore e delle comunicazioni con la cabina di pilotaggio tramite display a sfioramento ad alta definizione.