Chiudi
CBR300R supersportiva studio Ross White tricolore vista laterale

CBR300R

Forti emozioni. Piccola e compatta.

È ora di andare oltre.

La CBR300R ha qualcosa di molto speciale: una parte del suo DNA e del suo stile deriva direttamente dall'incredibile CBR1000RR Fireblade. La progressione nell'erogazione della potenza è così lineare che affrontando le curve sentirai di essere un tutt'uno con essa. Il sistema ABS di serie ti garantisce una sicurezza ancora maggiore.

Lo stile di una leggenda

La sigla CBR appartiene solo a moto speciali. Così, quando iniziammo a progettare la CBR300R sapevamo esattamente dove cercare ispirazione: nella CBR1000RR Fireblade, la nostra supersportiva di punta di classe Open. La sua linea snella dà l'immagine della velocità, mentre gli eleganti fari doppi, la carena dalle curve spigolose, con la parte inferiore dello scudo abbinata cromaticamente, e la sella dalla linea essenziale infondono nella classe 300 uno spirito da supersportiva. Impossibile confondere la CBR300R con un'altra moto. Questo risultato è stato fortemente ricercato. È una CBR.

CBR300R Supersportiva Studio Ross White, tricolore, inquadratura anteriore di tre quarti

Potenza e coppia maggiori? Sì grazie

Il motore monocilindrico a 4 valvole DOHC raffreddato a liquido di 286 cc della CBR300R è ospitato in un telaio a diamante in acciaio a doppio longherone, che offre l'equilibrio perfetto tra una rigidità ottimale ed un'agilità dinamica affinché il pilota possa avere la massima stabilità. La potenza (22,7 kW) e la coppia (27 Nm) vengono erogate senza problemi; il motore è estremamente vivace a tutti i regimi, grazie all'avanzata iniezione PGM-FI con corpo farfallato di 38 mm.

CBR300R Supersportiva Studio Ross White, tricolor, inquadratura posteriore di tre quarti

PROGETTATA PER PRESTAZIONI ELEVATE

Un pilota ha bisogno di stabilire una connessione diretta con la strada e di avere un controllo preciso del retrotreno. La CBR300R li garantisce entrambi, grazie alla forcella telescopica da 37 mm, fluida e ben ammortizzata, e al monoammortizzatore posteriore Pro-Link. Il leggero sistema ABS è montato di serie e affianca i potenti dischi dei freni anteriore (296 mm) e posteriore (220 mm). E l'efficienza energetica della CBR300R rende possibile un consumo di 30,2 km/l (misurato con procedura WMTC), con un'autonomia di oltre 390 km con serbatoio da 13 litri.

Una fiamma che non muore mai

Il concetto non è cambiato.

Vista anteriore di tre quarti di una Honda Fireblade rivolta verso sinistra, in pista con il pilota.

Il vincitore nella categoria 2013 Senior, John McGuiness, sulla CBR1000RR Fireblade a Creg-ny-Baa.

Questo è il motivo per cui dominiamo continuamente nelle corse su strada, come l'Isle of Man TT, dove la CBR1000RR Fireblade ha conquistato i primi tre posti nella gara della Superbike 2013. 

Mostra tutta la sua classe

John McGuiness si è aggiudicato la bandiera a scacchi nel prestigioso trofeo Senior TT, stabilendo ancora una volta il record assoluto del giro con 131,578 miglia all'ora per l'Honda Legends Race Team.

Immagine composita: ritratto di John McGuiness, vista anteriore di tre quarti di McGuiness in sella a una Fireblade, mentre fa un'impennata!
Inquadratura di tre quarti di una moto Honda Fireblade in pista con pilota. Immagine d'epoca (località).

Il vincitore del titolo mondiale 1966, Mike Haiwood, sulla rombante RC166.