Close

LA NOSTRA NUOVA AUTO ELETTRICA

Un nuovo modo di guidare porta con sé una nuova terminologia e tecnologia. Per aiutarti a familiarizzare con l'elettrificazione, abbiamo compilato questo glossario di termini che riguardano specificamente i veicoli elettrici e alcuni ibridi.

Vista frontale del veicolo Honda Sports EV Concept.

Tipi di veicoli

Veicoli elettrici a batteria (BEV) e Veicoli elettrici (EV)

Proprio come i nostri Concepts Honda e-Prototype e Sports EV mostrati al Salone di Tokyo, i termini EV e BEV si riferiscono esclusivamente a veicoli puri elettrici azionati da un motore elettrico e alimentati da energia elettrica prodotta da batterie agli ioni di litio.

Veicolo elettrico ibrido con presa elettrica (PHEV)

Un'auto che combina un tradizionale motore a combustione interna e una batteria ricaricabile. Ciò consente una guida puramente elettrica, un viaggio prolungato con motore a benzina o una combinazione di benzina e motori elettrici.

Veicolo con presa elettrica (PiV)

Questo è un termine generale per qualsiasi auto con presa di corrente per caricare batterie agli ioni di litio, inclusi veicoli elettrici a batteria e veicoli ibridi elettrici con presa elettrica.

Veicolo a emissioni ultra basse (ULEV)

Si riferisce a un'auto che ha emissioni di anidride carbonica dallo scarico inferiori a 75g/km. Questi veicoli hanno diritto in molti Paesi a sovvenzioni statali.

Autonomia estesa EV

Un'auto elettrica con un piccolo generatore a benzina installato a bordo, che viene utilizzato solo per ricaricare le batterie quando si scaricano. Questi piccoli motori a benzina non sono progettati per spingere il veicolo.

Veicolo a nuova energia

Questo termine è usato per riferirsi a veicoli che sono parzialmente o completamente alimentati dall'elettricità, come veicoli elettrici a batteria e veicoli elettrici ibridi con presa elettrica.

Veicolo elettrico con celle a combustibile (FCEV)

Un veicolo elettrico con celle a combustibile (FCEV), come la Honda Fuel Cell Clarity, non ha bisogno di essere ricaricato. Genera elettricità per alimentare il motore utilizzando ossigeno e idrogeno compresso invece di utilizzare una batteria. Honda Clarity è un'auto a emissioni zero, l'energia elettrica è generata dall'idrogeno.

Veicolo a combustibile alternativo

Questo termine viene utilizzato per un veicolo che funziona con un carburante diverso dal tradizionale benzina o diesel. Questo include motori che non si basano esclusivamente sulla benzina, come veicoli elettrici a batteria e veicoli elettrici ibridi plug-in, o veicoli ad energia solare.

Disegno tecnico Honda sui tipi di ricarica.

Batterie e connettori

Connettori per cavi di ricarica

Tipo 1: Una presa a cinque pin che presenta anche una clip. Tipo 2: Una presa a sette pin con un lato piatto, questo connettore si trova in genere su EV prodotti da marchi europei. Il tipo CHAdeMO è una presa rotonda a quattro pin, questo connettore viene utilizzato solo per i punti di ricarica rapidi ed è in genere compatibile con i veicoli elettrici prodotti da marche asiatiche.

Sistema di ricarica combinato (CCS)

Standardizzato dall'UE, questo connettore viene utilizzato solo per i punti di ricarica rapidi ed è compatibile con i veicoli elettrici prodotti da marchi europei. Questa è la stessa presa di una normale presa elettrica e può essere utilizzata per caricare alcuni veicoli elettrici, ma non ha le caratteristiche di sicurezza, velocità e sicurezza dei sistemi dedicati.

Batteria LI-ion

Un'abbreviazione per le batterie ricaricabili agli ioni di litio utilizzate su BEV e PHEV. Come le batterie dei laptop e dei cellulari, possono essere riciclate.

Vista frontale a tre quarti del concept Honda Urban EV con stazione di ricarica.

Ricaricare un'auto elettrica

Ricarica integrativa

Tale ricarica implica ricaricare il veicolo elettrico ovunque lo si parcheggi, ricaricandolo quando si è in giro. I punti di ricarica pubblici possono essere individuati utilizzando Internet o scaricando apposite app.

Ricarica domestica

Collegare la propria auto elettrica per ricaricarla mentre l'auto è parcheggiata a casa, di solito durante la notte, è il modo più efficiente. L'installazione di una stazione di ricarica a casa è il modo migliore e più sicuro per caricare la propria auto elettrica.

Ricarica in viaggio

Sono sempre di più le stazioni di servizio autostradali che dispongono di punti di ricarica rapidi, che consentono di ricaricare l'auto elettrica fino all'80% della capacità in appena 30 minuti. Registrandosi sul sito Web di Ecotricity si riceve una carta magnetica gratuita per intraprendere viaggi a lunga percorrenza in modo facile con il proprio EV.

Avviso ICE

Quando ricevi un avviso ICE, significa che un punto di ricarica è occupato da un veicolo con motore a combustione interna (ICE), impedendoti di caricare il tuo EV.

Card RFID

Utilizzando la stessa tecnologia utilizzata con una carta di debito contactless, queste schede (Radio Frequency Identification Devices (RFID) vengono utilizzate in molti dei vecchi punti di ricarica per consentire l'accesso alla ricarica EV.

Ricarica libera

Questa tecnologia ti consente di ricaricare il tuo veicolo elettrico senza una card RFID o tessera associativa. È conosciuta come la rete "POD Point". Basta usare l'app "POD Point" per trovare il punto di ricarica più vicino e confermare la ricarica.

Percorrenza per ora (RPH) e kilowattora (kWh)

RPH sta ad indicare i chilometri di percorrenza per ora di ricarica. Mentre kWh è un'unità di energia equivalente all'energia trasferita in un'ora da un kilowatt di potenza. Tutte le batterie delle auto elettriche sono misurate in kilowattora.

Alimentazione monofase e trifase

Disponibile in molte case e attività commerciali, è l'alimentazione fornita da tutte le prese standard. L'elettricità monofase può alimentare fino a 7kW per un massimo di 50 km di autonomia, per ora di ricarica. La trifase si trova spesso in locali commerciali e industriali; ciò fornisce tre correnti alternate della stessa tensione ed è necessaria per una ricarica più sicura con caricatori rapidi e veloci.

Primo piano del sistema di alimentazione elettrica del concept Honda Urban EV.

Tipi di ricarica

Ricarica di mantenimento

Il tipo di ricarica più lento: meglio riservarla alle lunghe ricariche notturne a casa e si effettua con una spina standard. Tuttavia, questo tipo di ricarica non ha le caratteristiche di sicurezza di un punto di ricarica dedicato appositamente progettato per ricaricare veicoli elettrici a batteria.

Ricarica lenta

Un'opzione migliore e più sicura per la ricarica domestica, che consente sia la ricarica integrativa che notturna attraverso un punto di ricarica dedicato. Il POD Point Solo da 3,7 kW è un buon esempio di questo tipo di stazione di alimentazione e fornisce una ricarica più rapida rispetto a quella di una presa a 3 poli.

Ricarica veloce

Ideale per ricariche integrative, può fornire fino a 50 chilometri di autonomia per ora di ricarica o una ricarica completa in poche ore. I caricatori veloci sono l'ideale per continuare il viaggio mentre sei in giro. Li troverai nei parcheggi pubblici tramite l'app Open Charge.

Ricarica rapida

Troverai questi punti di ricarica nelle stazioni di servizio autostradali. I caricatori rapidi consentono di caricare circa l'80% in soli 20 minuti. Utile da sapere per lunghi viaggi e viaggi fuori dalla propria zona.

Ansia da autonomia

Il termine indica la paura di rimanere senza carica mentre guidi un veicolo EV. È comune e naturale, ma può essere evitato ricaricando le batterie ogni volta che puoi, ovunque parcheggi durante il giorno.